MOC Mineralometria

Ossea Computerizzata

Mineralometria Ossea Computerizzata
E’ UN ESAME CHE PERMETTE DI VALUTARE LO STATO DI SALUTE DELLE OSSA E PREVENIRE L’OSTEOPOROSI.

La MOC è un esame che generalmente viene prescritto dal medico quando sussistono più fattori di rischio concomitanti che potrebbero causare l’insorgere dell’osteoporosi:

Età avanzata (i pazienti anziani sono maggiormente a rischio di patologie come l’osteoporosi quindi superata una certa soglia e in presenza di altri fattori viene spesso suggerito questo esame.Fattori ereditari (se in famiglia sono presenti altri casi di osteoporosi, il paziente potrebbe avere maggiori probabilità di soffrire di questa patologia). Menopausa. Fratture in età avanzata. Pazienti che hanno subito un trapianto di organi o di midollo osseo. Pazienti con gravi carenze di vitamina D. Pazienti la cui altezza si è ridotta di almeno 4 cm (potrebbe dipendere da una compressione della colonna vertebrale, dovuta all’osteoporosi). Patologie che aumentano il rischio di osteoporosi (iper/ipo tiroidismo, artrite reumatoide, diabete, Parkinson, MALATTIE AIDS, ecc.).

UNA VOLTA EFFETTUATO L’ESAME IL PAZIENTE AVRA’ INFORMAZIONI SULLA MINERALIZZAZIONE DELL’OSSO, SUL RISCHIO DI FRATTURE E LA VALUTAZIONE DEL GRASSO ADDOMINALE (importante fattore di rischio per le malattie cardio-vascolari).

La MOC è un esame che generalmente viene prescritto dal medico quando sussistono più fattori di rischio concomitanti che potrebbero causare l’insorgere dell’osteoporosi:

Età avanzata (i pazienti anziani sono maggiormente a rischio di patologie come l’osteoporosi quindi superata una certa soglia e in presenza di altri fattori viene spesso suggerito questo esame.Fattori ereditari (se in famiglia sono presenti altri casi di osteoporosi, il paziente potrebbe avere maggiori probabilità di soffrire di questa patologia). Menopausa. Fratture in età avanzata. Pazienti che hanno subito un trapianto di organi o di midollo osseo. Pazienti con gravi carenze di vitamina D. Pazienti la cui altezza si è ridotta di almeno 4 cm (potrebbe dipendere da una compressione della colonna vertebrale, dovuta all’osteoporosi). Patologie che aumentano il rischio di osteoporosi (iper/ipo tiroidismo, artrite reumatoide, diabete, Parkinson, MALATTIE AIDS, ecc.).